Politica Pollina

Il pollinese Salvatore Cangelosi si dimette da presidente della consulta disabili della Lega

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del presidente della consunta disabili della Lega, Salvatore Cangelosi, giovane affetto da Sma, originario di Pollina.

La lettera

“Cari amici vi comunico, come preannunciato, di avere abbandonato la Lega. Molti si chiederanno, come mai dopo due anni? E dopo essere stato e presente su tutti i territori ed avvenimenti della Lega soprattutto sul territorio di Palermo e provincia?

Purtroppo l ‘avvento di Gelarda, proveniente da altro partito, è stato il peggiore avvenimento fino ad oggi. Il signor Gelarda, questo è il mio sospetto, ha voluto sbarazzarsi di persone in gamba sostituendoli con nuove figure provenienti dal loro partito. Poi si fregia del titolo di capogruppo, pur sapendo che occorrerebbero almeno tre consiglieri! Gli allontanamenti, cari amici, li ha addirittura incoraggiati!In altri termini l’ambizione di Gelarda ha stravolto il partito ed il numero dei simpatizzanti che, per la prima volta, risultano essere in calo! Qualsiasi responsabile di un partito fa di tutto per farlo crescere.

Per me l’avvento di Gelarda ha causato un passo indietro del partito! Se il partito avesse scelto uno qualsiasi della base, i risultati sarebbero molto diversi! Forse Salvini non sa?Spero di si! Ma il motivo che di più mi ha spinto a questa decisione è stato quello che tutto si può dire, fare ma non quello di prendere in giro persone che soffrono e lottano ogni giorno per sopravvivere questo non l’accetto, mi sono voluto mettere a fare politica proprio per questa povera gente per mettere in evidenza l’abbandono delle istituzioni verso di loro…il signor Igor ha creato diverse consulte della Lega tra cui quella sulla Disabilità, ma non per aiutare questa gente. Io, come coordinatore di questa consulta, non mi sono sentito di continuare perché queste persone e le loro famiglie non meritano di essere presi in giro…Il mio appello alla politica e quello di credere in un progetto serio per i più deboli, per tutti quelli che la mattina per alzarsi dal letto non sanno se ci sarà qualcuno ad aiutarli per tutti quelli che aspettano qualcuno per essere imboccati per poter mangiare…Signori io sono qui a mettere a disposizione le mie idee perché solo chi li vive sulla propria pelle può capire”.

 





81 Visite totali, 7 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *