Carnevale Palermo Viabilità

Film “Il delitto Mattarella”: limitazione della sosta e del traffico a Palermo

Al fine di facilitare le riprese del film “Il delitto Mattarella”, previste a Palermo nei prossimi giorni, è stata emanata una Ordinanza dirigenziale che prevede alcune limitazioni del traffico veicolare e della sosta in diverse strade cittadine per i giorni 11, 12, 13, 14 e 15 marzo.

In particolare:
VIA BORIS GIULIANO (all’intersezione con l’uscita veicolare della via scaduto, prima dell’attraversamento pedonale, sul lato sx del senso di marcia, per circa venti mt)
Divieto di sosta con rimozione coatta ambo i lati dalle ore 07:00 alle ore 19:00 del 11-12-13 Marzo 2019 e comunque fino al termine delle riprese eccetto i mezzi della produzione;
VIALE DELLE MAGNOLIE (tratto compreso tra la via Boris Giuliano e via Lombardia)
Divieto di sosta con rimozione coatta ambo i lati dalle ore 07:00 alle ore 20:00 del 14 Marzo 2019 e comunque fino al termine delle riprese eccetto i mezzi della produzione;
VIA ANGIO’ ( tratto compreso immediatamente dopo il cancello civ. 27 e via Margherita de Simone)
Chiusura temporanea, per consentire le riprese, al transito veicolare e pedonale dei flussi, dalle ore 07.00 alle 19.00 del 15 Marzo 2019 e comunque fino al termine delle riprese eccetto i mezzi della produzione La produzione provvederà affinchè sia sempre garantíto il transito di eventuali veicoli di soccorso per emergenze e dei residenti e possessori di passi carrabiIi ed eventuali posti H.

Il film “Il delitto Mattarella”

Parte da Palermo la pre-produzione del film Il Delitto Mattarella di Aurelio Grimaldi, coprodotto da Cine 1 Italia e Arancia Cinema. Un tributo alla memoria di Piersanti Mattarella, fratello maggiore dell’attuale Presidente della Repubblica, ucciso a colpi di pistola dalla mafia il 6 gennaio del 1980, mentre stava andando a messa a bordo della sua Fiat 132. Le riprese inizieranno il 25 febbraio, con un cast siciliano composto da Leo Gullotta, Nino Frassica, Tuccio Musumeci, Pino Caruso, Pippo Pattavina, Toni Sperandeo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo e Guia Jelo.

Aurelio Grimaldi da anni raccoglie materiali sul caso Mattarella con l’intento di combattere l’oblio in cui è caduta la vicenda: “Piersanti Mattarella – sottolinea Grimaldi – è una figura ingiustamente dimenticata. A Roma e Milano non esiste nemmeno una via a lui dedicata. La discrezione della impeccabile famiglia e del fratello Presidente della Repubblica sono senza pari”. Tra i personaggi le prime due cariche dello Stato, Sergio Mattarella e l’allora Presidente del Senato Pietro Grasso, che quel 6 gennaio 1980 era un giovane PM di turno e quindi titolare di inizio indagini sull’omicidio. Circondati da politici poi pluricondannati (Ciancimino), uccisi dalla mafia per non aver rispettato i patti (Lima), suicidi per sensi di colpa (Nicoletti), condannati ma prescritti (Andreotti) e boss mafiosi come Stefano Bontade e poi Totò Riina, che ne prese il posto col sangue, dando inizio al predominio dei Corleonesi.






Himerah24.it:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *