Comuni Palermo e Provincia Sicilia Termini Imerese

L’omaggio alle mamme: “Me matri” di padre Tommaso Giunta

Di seguito proponiamo la poesia “Me Matri” di padre Tommaso Giunta, chiamato affettuosamente da tutti “Patri Masinu”, dedicata alla mamma. Dalla lettura si presume che la donna fosse ancora in vita nel momento in cui le sono stati dedicati questi versi. Una poesia oggi attuale che spinge a riflettere sul ruolo e l’importanza della mamma e della donna nella società e, in particolare, nella famiglia.

Me Matri

Padre Masino Giunta

La cchiù putenti e bedda ‘mperatrici
chi potti ‘ntra stu munnu cumannari,
a pettu di dda mamma chi mi fici
mi pari ‘na pupidda di iucari.
Nenti m’importa si nun haiu amici
si campu sempri scarsu di dinari,

quannu la mamma mia mi binidici
stu cori m’addiventa quantu un mari.
Cu tuttu ca ora è fatta vicchiaredda
ed è riddutta già ‘na crucchiulidda,
cchiù la taliu e cchiù mi pari bedda.
Si lu me sangu fussi ‘na faidda,
pri falla addivintari picciuttedda
ci lu darria tuttu quantu a idda.

Tommaso Giunta (1884-1976)






Himerah24.it:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *