Arte e Cultura Cultura Palermo Sicilia

Alberto Angela riceve la laurea honoris causa a Palermo: delusione tra gli studenti rimasti fuori

Questa mattina a palazzo Chiaramonte Steri di Palermo tanti studenti hanno atteso con ansia l’arrivo di Alberto Angela, paleontologo, scrittore e divulgatore scientifico, al quale l’università degli studi di Palermo ha conferito la laurea honoris causa in “Comunicazione del Patrimonio Culturale”. Erano centinaia gli universitari che, fin dalle prime ore di questa mattina, si sono ritrovati davanti ai cancelli dell’edificio per assistere all’importante evento, ma tantissimi non sono riusciti a partecipare alla cerimonia. Secondo quanto riferito da alcuni studenti si sarebbero riscontrati dei problemi organizzativi, ciò ha provocato il malcontento dei presenti.

Per l’università degli studi di Palermo è stato un momento memorabile e da ricordare, ma per i numerosi studenti rimasti fuori non è stato affatto così. Quest’ultimi non hanno avuto modo di accedere all’evento, che si è trasformato in una vera e propria baraonda. Alberto Angela, però, a conclusione del suo discorso ha ricordato l’interesse dei giovani verso la cultura: “Quello che ci ha fatto tanto, tanto piacere è scoprire quanti giovani tornino a guardare la televisione grazie a degli argomenti scientifici e culturali. Anche qui abbiamo avuto esempio, in sala, ma anche qui fuori. E mi dispiace, li saluto, per tutti i ragazzi che sono rimasti fuori. Devo dire che questa è la più bella speranza”.

Le parole di uno studente presente all’evento

“L’università degli studi – dichiara uno degli studenti – ha comunicato sul portale riservato agli scritti dell’ateneo, tramite un’email, che l’evento era riservato a tutti, e soprattutto a noi studenti, invitati dai professori stessi a partecipare alla cerimonia. Dopo le miriadi di corse per assistere all’evento, purtroppo, io e i miei colleghi non siamo riusciti ad entrare e, di conseguenza, né ad assistere alla proclamazione. Solo sdegno e tanta rabbia. Non si può organizzare un evento in questo modo, non si può assolutamente. Nonostante si siano riscontrati innumerevoli problemi, credo nella cultura, nella democrazia, nei diritti e nell’uguaglianza”.

Le foto 

Il video 

 






Himerah24.it:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *