Cronaca Palermo

I carabinieri scoprono piantagione indoor: arrestati coniugi palermitani

I carabinieri della compagnia san Lorenzo, hanno arrestato con l’accusa di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, i coniugi Matteo Lo Bianco e Maria Cintura, palermitani classe 1962.

I militari dell’Arma, durante un servizio di contrasto al mercato degli stupefacenti, transitando a Torretta, in località pian dell’Occhio, hanno notato un insolito via vai da una strada di accesso ad un terreno, ed hanno verificato che i due coniugi entravano all’interno di un’abitazione isolata. I militari, una volta raggiunta l’abitazione, entrati all’interno della stessa, accortisi del pungente odore di sostanza stupefacente, procedevano a perquisizione e scoprivano che i coniugi avevano allestito una piantagione indoor, munita di materiale fertilizzante e completa di lampade, reattori, impianti di condizionamento ed aspirazione, tutto collegato abusivamente alla rete elettrica pubblica, così come confermato da una squadra di tecnici verificatori della società E-Distribuzione intervenuti sul posto.

Complessivamente sono state rinvenute e sequestrate 132 piante di cannabis indica, già in stato di essicazione, dell’altezza di circa un metro e mezzo.

Lo stupefacente è stato campionato dai carabinieri del L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) del reparto operativo di Palermo per le analisi quantitative e qualitative.

Contestualmente venivano deferiti all’autorità giudiziaria, il figlio 19enne per furto di energia elettrica e la figlia 29enne, per detenzione abusiva di munizioni, in quanto a seguito di perquisizione domiciliare, venivano rinvenute 25 cartucce calibro 12 detenute abusivamente e subito sequestrate.

La coppia a seguito di convalida dell’arresto è stato sottoposta all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

817 Visite totali, 7 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *