Cronaca Politica Sicilia Termini Imerese

Occupata la sede storica comunale di Termini Imerese, le parole del consigliere Di Blasi


Riceviamo e pubblichiamo il comunicato sul del consigliere comunale Giuseppe Di Blasi (FDI),  sull’occupazione della sede storica comunale di Termini Imerese.

Il comunicato

“Qualcuno prima o poi dovrà assumersi le proprie responsabilità e non limitarsi alle passerelle”.
Questo il pensiero di Giuseppe Di Blasi, capogruppo di FDI al Comune di Termini Imerese.
“Era già successo con Renzi il 14 Agosto 2014 -afferma-, e si sta ripetendo con la visita di Di Maio dello scorso 26 Novembre nella quale, davanti i cancelli dello stabilimento Blutec, ha fatto una serie di promesse ma ad oggi conservate nel cassetto del dimenticatoio”.

Da mesi i Sindacati e parte della Politica (FDI lo vuole con forza e convinzione come ho dichiarato più volte in Consiglio Comunale), chiedono la convocazione dei tavoli di contrattazione presso il ministero con la presenza di Fiat che ha l’impegno morale sui lavoratori e lo stabilimento di Termini Imerese.

Ieri pomeriggio i Sindacati CGIL CISL UIL hanno avuto un colloquio telefonico con il Presidente dei deputati di FdI On. Francesco Lollobrigida per denunciare il disimpegno del governo su questa vertenza. Domani sarà invece al Comune la deputata di FDI Carolina Varchi. L’interesse verso il nostro territorio del partito di Giorgia Meloni non è mai mancato basti pensare la conferenza programmatica “la quarta rivoluzione industriale” di due anni fa svoltasi proprio all’interno della Villa Palmeri nella nostra città.

“Per Fratelli d’Italia Di Maio e il M5S devono rispettare gli impegni assunti con i lavoratori e le loro famiglie” conclude il dirigente nazionale di FDI Di Blasi “Qui non vogliamo vivere di cassa integrazione, ammortizzatori sociali e reddito di cittadinanza, bisogna tornare a lavorare e produrre.
Si è perso troppo tempo ed è immorale perderne ulteriormente per stupidità politica e mancanza di visione futura”






1,084 Visite totali, 12 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *