Cronaca Termini Imerese

Cassonetto colmo di rifiuti abbandonato davanti la chiesa di Santa Caterina, sito storico della città

Non è una scena del film di Ficarra e Picone, ma è la realtà. Un cassonetto dei rifiuti è stato lasciato, da venerdì scorso, in stato d’abbandono colmo di rifiuti di ogni genere, davanti la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria a Termini Imerese, nei pressi della villa Palmeri. Il fatto è alquanto strano anche in considerazione che nel quartire in questione è stato attivato il servizio porta a porta e i cassonetti sono stati del tutto eliminati. Si tratta di uno dei siti più importanti e visitati della città ove si possono gli affreschi dei fratelli Graffeo, rappresentanti la vita di Santa Caterina e descritti in dialetto siciliano. La segnalazione arriva da un cittadino che ha provveduto a segnalare il fatto ai competenti uffici comunali. 

Sull’accaduto è intervenuto il presidente dell’associazione Archeoclub d’Italia “Himera”, Sergio D’Amore, il quale ha affermato: «Nonostante i piloni antiterrorismo e le attenzioni di tutte le associazioni che operano sul territorio siamo indignati dell’accaduto. Santa Caterina, ad oggi, viene utilizzata come sede di conferenze ed accoglienza. Ora noi ci chiediamo come è possibile che un cassonetto possa essere arrivato a denigrare questo bene di inestimabile valore. Tutto ciò deve fare riflettere su una presa di coscienza di coloro che vorrebbero gettare ancora del fango sulla città di Termini Imerese. É vero che in questo momento siamo in piena emergenza rifiuti, ma è pure vero che questo gesto è distante da ogni tipo di civiltà e dimostra la scarsa capacità di convivere in modo civile nel territorio».





Himerah24.it:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *