Caccamo Cronaca Villabate

Scomparsa Santo Alario: assolto il caccamese Guzzardo, era accusato dell’omicidio dell’amico


Resta avvolta nel mistero la sparizione di Santo Alario, scomparso il 7 febbraio 2018 nelle campagne tra Caccamo, Ventimiglia di Sicilia e Montemaggiore Belisito. Il Gup del tribunale di Termini Imerese, Stefania Gallì, ha assolto il caccamese Giovanni Guzzardo dall’accusa di avere ucciso il suo amico Santo Alario.

Il caccamese Guzzardo, 47 anni, titolare del bar Avana Cafè di Capaci, è stato arrestato e, dopo oltre un anno, il giudice ha ritenuto di non avere elementi sufficienti per condannare l’imputato, difeso dagli avvocati Nino Zanghi e Vincenzo Lo Re.

Alario e Guzzardo si erano allontanati insieme da Capaci a bordo della Fiat Panda di proprietà del Guzzardo,  Alario aveva mandato diversi videomessaggi alla compagna, dopo di loro si sono perse le tracce. Dopo tre mesi di indagini Guzzardo è stato ritrovato vivo in un casolare nelle campagne di Montemaggiore Belsito ed è stato arrestato. Poi il processo e l’assoluzione. Ma il giallo diventa sempre più fitto. 

Leggi pure Chiesto ergastolo per il caccamese Giovanni Guzzardo: è accusato della scomparsa di Santo Alario

Ancora mistero sulla scomparsa di Santo Alario, aumentano le preoccupazioni dei familiari

Uomini scomparsi a Caccamo: ritrovato solo uno dei due, è accusato di omicidio

Chiesto l’ergastolo per il caccamese Giovanni Guzzardo: è accusato della scomparsa di Santo Alario






869 Visite totali, 14 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *