Cronaca Palermo

Continuano i controlli a Palermo e provincia sul reddito cittadinanza: scoperto esercente minimarket

Ancora furbetti del reddito di cittadinanza. Questa volta la guardia di finanza di Palermo ha sequestrato e sanzionato un minimarket e una bottega nei mercati di Ballarò e del Capo. Uno dei due esercenti percepiva il reddito di cittadinanza.

Nel market di Ballarò sono stati trovati prodotti per la casa per l’igiene della persona e paramedicali, detersivi, carta igienica, cosmetici, sacchetti per alimenti, guanti, pannolini e cerotti del tutto privi di documentazione sull’origine e il trasporto. Sopra uno scaffale sono state trovate anche tre banconote false. Il titolare, un uomo di sessant’anni palermitano, è stato denunciato per falsificazione e ricettazione. I locali e la merce sono stati sequestrati e l’attività commerciale chiusa.

Nella bottega sita nei pressi del mercato del Capo i finanzieri hanno proceduto al sequestro del locale ed alla sospensione dell’attività per mancanza di licenza commerciale. Per i due esercenti, uno dei quali percepiva anche il reddito di cittadinanza, sono scattate multe da 3 mila euro.

È di ieri la notizia di un’altra operazione della Guardia di Finanza: Pollina, furbetto del reddito di cittadinanza trovato a lavorare in una struttura ricettiva

Anche a Termini Imerese padre e figlio sono stati denunciati, clicca qui per approfondire. Il fenomeno è diffuso anche nelle Madonie: Alia: lavora nell’impresa di famiglia ma percepisce reddito cittadinanza, denunciato furbetto e datore di lavoro

Furbetti reddito cittadinanza: denunciata una coppia di pasticceri






3,808 Visite totali, 13 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *