Italia Opinioni Politica

Crisi di governo: intemperanze e nuove tecnologie

Nella seduta di ieri al Senato purtoppo ancora una volta si è ripetuto il solito copione fatto di insulti, ripicche e recriminazioni che va in scena ogni qualvolta in Parlament si affrontano temi delicati. Il clima da stadio che si instaura da luogo ad uno spettacolo indecoroso cui, nostro malgrado, siamo costretti ad assistere. 

L’agone politico è fatto di contrapposizione, a volte dura ed intransigente, il Parlamento non è nuovo a questo fenomeno. 

(Vivi commenti – Proteste – Interruzioni alla destra e al centro)…

(Rumori vivissimi, scambio di apostrofi fra alcuni deputati che siedono all’estrema sinistra)…

Quel che precede è un estratto del resoconto stenografico del famoso discorso di Giacomo Matteotti il 30 maggio 1924.

Più specificatamente sono le intemperanze di alcuni parlamentari di diverse fazioni.

Come testé dimostrato quel che accade oggi non è altro che l’evoluzione, l’involuzione di quanto accadeva in passato.

Abbiamo avuto nodi scorsoi minacciosamente oscillanti, bandiere sventolanti, mortadelle gustosamente addentate, magliette impunemente indossate a dispetto della solennità del luogo, striscioni e cartelli mostrati in favore di telecamere faticosamente strappati a sorridenti (sic!) onorevoli trattati da discoli scolari da affannati commessi parlamentari.

Si dirà che è lo specchio dei tempi e che la politica riflette appieno la società civile che l’ha eletta e che rappresenta.

Orbene, se così è suggerirei ai parlamentari di oggi e di domani di adeguarsi alle nuove tecnologie, invece di scarabocchiare in pessima grafia su un foglio A4 preparino una bella presentazione di Power Point con tanto di slide scorrevoli distribuita a tutti i colleghi di partito, immaginate che colpo d’occhio. 

Voglio proprio vedere i commessi parlamentari costretti a sequestrare, contro la vostra volontà, il facinoroso tablet. 

Incidentalmente sottolineo che il discorso di Matteotti era di denuncia di brogli elettorali. Di questi non ne sentiamo alcun bisogno anche se le ultime elezioni americane hanno subito dei condizionamenti esterni, si suppone dalla Russia. A proposito, dasvidania ex ministro dell’Interno. 

Leggi pure Crisi di Governo, al via le consultazioni

Crisi di governo: la diretta dal Senato

Crisi di governo: la diretta del premier Conte




2,395 Visite totali, 3 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *