Cronaca Curiosità Sicilia Società Termini Imerese

Samara Challenge: per un pugno di click




Cosa c’è dietro Samara

Svelato  il “mistero” Samara si tratta di una delle tante mode che ciclicamente si ripetono sotto forma di sfida (Challenge) e che, grazie ai social media, si diffondono velocemente tra i giovani e non.

Ve ne sono di innocue che provocano tutt’al più un sorriso; tra queste possiamo annoverare: The Flip Bottle Challenge che consiste nel far atterrare in piedi una bottiglietta piena di liquido e The Ice Bucket Challenge in cui il malcapitato “sfidante” deve  versarsi addosso un secchio pieno di acqua e ghiaccio e nominare le persone che in seguito prenderanno parte a questa sfida. Questa sfida ha avuto un nobile scopo, è nata nel 2014 per aiutare la ricerca per i malati di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica).

Leggi pure Lo spettro di Samara anche a Termini Imerese: uno scherzo poco gradito in città

Ma non solo sorrisi inducono queste sfide, ve ne sono di molto pericolose che scegliamo di non citare per scongiurare pericolose emulazioni.

Tra le due tipologie di questo fenomeno possiamo collocare The Samara Challenge, e cioè truccarsi come la protagonista del film horror “The ring” e gironzolare nottetempo per spaventare i malcapitati passanti.

Il perchè della collocazione intermedia è presto detto, innanzitutto, come è già successo, la piccola che si trucca da Samara corre il rischio di essere picchiata visto che oramai il trucchetto è stato scoperto, oppure di provocare crisi cardiache a coloro i quali fossero all’oscuro di tale cretinata.

Specchio dei tempi

Se  vi state chiedendo come mai nascono questi fenomeni probabilmente la risposta la si trova nella profetica affermazione attribuita ad Andy Warhol, personaggio tra i più influenti del XX secolo, che intorno al 1968, disse:  «In futuro tutti saranno famosi per 15 minuti».

Un video su Youtube, un tweet su Twitter, un post su Facebook, una storia su Instagram, e poi ancora Pinterest, Tumblr, Linkedin, uno qualsiasi di questi strumenti, ormai alla portata di tutti,  consente a chiunque di diventare famoso con un semplice smartphone, i 15 minuti di cui parlava Warhol, e godere dell’effimera notorietà.

Lo scimmiottare gli atteggiamenti di personaggi in vista  in una società  in cui l’apparenza prevale sulla sostanza, ed il cui unico pregio è quello di mostrarsi,  alimenta il desiderio di mettersi in luce rispetto ad altri

Per tornare alla nostra piccola “terrorista”, per una volta ci piace usare questa parola in un contesto diverso dal solito, qualora aveste la (s)ventura di trovarvela di fronte, consiglio caldamente la somministrazione di un sonoro ceffone terapeutico per farla miracolosamente guarire.

Per vedere le foto dell’avvistamento di Samara a Termini Imerese clicca qui

 






18,272 Visite totali, 10 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *