Concerti Musica Termini Imerese

Un concerto del coro polifonico termitano “G.Mulè” a Godrano per ricordare Don Pino Puglisi

Un concerto dedicato a Don Pino Puglisi si è svolto nella chiesa “Maria SS. Immacolata “, prima parrocchia del Beato, a cura del coro polifonico “Giuseppe Mulè” di Termini Imerese, con la direzione del maestro Tonin Tarnaku.
«Felici di aver eseguito un concerto, che ha avuto una valenza ben precisa, un vero e proprio messaggio, grido corale, fermo, chiaro e inequivocabile, di accusa e condanna alla mafia e di affermazione dei valori umani, a fronte delle prevaricazioni della criminalità mafiosa – si legge in una nota del presidente dell’associazione coro polifonico “Giuseppe Mulè” di Termini Imerese, Gloriana Solaro -. Felici di aver fatto memoria di una figura di coraggioso educatore, di un grande pedagogista che avendo fondato la sua attività educativa sul Vangelo vissuto, riuscì a recuperare tante persone assoggettate all’infamia dell’ateismo mafioso. Un operatore di comunione e di gioia, Padre Puglisi, che è stato ucciso perché formava le coscienze, perchè aiutava le persone ad uscire da quei meccanismi che rendono schiavi.
Questo diede fastidio alla mafia.
A noi, allora, piace raccogliere la sua eredità, continuare a credere nel valore dell’educare, a credere che la bellezza del vivere insieme sia strettamente legata all’onestà, al senso di responsabilità, alla cultura del dono e dell’apertura.
Padre Puglisi ci dice che ognuno di noi ha qualcosa da cambiare nel proprio cuore, nel proprio pensare, nel proprio agire. Solo così potrà affermarsi una società ispirata alla legge dell’amore, della solidarietà, della pace.
E noi abbiamo cantato con amore, con gioia e poi…il canto è preghiera e diciamo che abbiamo dato una veste melodica alla preghiera…nel canto gli animi si accordano e si fondono in fraternità di menti e di cuori.
Ho vissuto una grande emozione nel declamare i versi di una lirica, da me composta per Padre Puglisi – ha commentato Gloriana Solaro che è anche compositrice di una lirica dedicata a don Puglisi -, tributo ad un grande uomo e pungolo alla coscienza civile.
Un grande grazie al maestro Tonin Tarnaku, alla sua inappuntabile professionalità.
Grazie alla Violinista Claudia Li Vigni, che ha fatto vibrare il nostro cuore e grazie ai coristi!
Un grazie sentito, all’accoglienza di Don Francesco Calvaruso, Parroco di Godrano da alcuni giorni, al quale vanno tutti i nostri auguri. Essere Parroco nella chiesa dove Padre Puglisi ha prestato la sua opera, rappresenta una eredità morale di non poco impegno e rilevanza, ma siamo sicuri che, Padre Francesco, nella sua profonda formazione spirituale, nel senso di responsabilità e nella sua grande sensibilità, troverà le risorse dove attingere e operare al meglio per il bene della comunità affidatagli spiritualmente.
Grazie ad Alessandro e Francesca, due meravigliose creature, due ragazzi che hanno dato testimonianza di quanto, la figura di Don Puglisi, rappresenti per la Comunità di Godrano un forte riferimento morale, sociale, affettivo.
Le loro parole hanno suscitato grande tenerezza, parole piene di valori e di sentimenti, un monito per noi adulti…ci hanno dato modo di riflettere sulla responsabilità che abbiamo nei confronti della loro crescita psichica, sulla responsabilità nel fornire loro modelli sani, perché se i ragazzi introiettano modelli sani, saranno adulti sani. Sono i ragazzi a rappresentare il “futuro” e solo se li aiutiamo a crescere, aiuteremo il “futuro” a crescere.
Grazie alla calorosa e accogliente Comunità di Godrano, grazie al Sindaco, Epifanio Mastropaolo, all’Assessore allo spettacolo, Girolamo Sileci e all’Amministrazione Comunale tutta – ha concluso Gloriana Solaro -.
Grazie di cuore al Presidente AVIS Godrano, Rosolino Sileci.
Ringrazio affettuosamente il mio amico, Dott. Giovanni Landini, al quale va il merito di averci fatto conoscere la bellezza di una realtà, con la quale ci auguriamo di continuare il rapporto di collaborazione e di amicizia».

 

Le foto

 

 

 

 

 

 

3,218 Visite totali, 51 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *