Sicilia Termini Imerese

Da Termini Imerese a “EffectUs”: le opere di Simone Miraglia in esposizione a Roma

Gli effetti speciali lo hanno sempre affascinato, tanto da farlo partecipare a dei corsi specializzati e a portarlo a creare protesi, maschere e effetti speciali da paura. Durante lo scorso week-end la sua passione gli ha permesso di partecipare alla manifestazione più importante degli Effetti Speciali di Trucco Cinematografico a livello nazionale, la “EffectUs“.

Stiamo parlando di Simone Miraglia, venticinquenne di Termini Imerese, conosciuto nel territorio per il suo talento nel creare maschere, protesi ed effetti speciali. Di seguito il racconto del giovane termitano. 

Cos’è EffectUs 

“EffectUs” è un’associazione culturale che propone lo sviluppo dell’arte degli effetti speciali di make up in tute le sue forme. L’associazione, e di conseguenza l’evento, si rivolge a tutti i professionisti e appassionati di: scultura, calchi, prostetica, make up, maschere, animatronica, puppets, face e body panting in ambito televisivo, cinematografico, teatrale ed amatoriale. 
Durante i due giorni della manifestazione, i partecipanti hanno l’opportunità di confrontarsi con professionisti del settore e partecipare a workshop e conferenze specifiche per affinare la tecnica e migliorare. 

Chi è Simone Miraglia

Simone Miraglia, ha 25 anni, abita a Termini Imerese e studia effetti speciali di trucco da ormai tre anni. La sua passione nacque dalla curiosità verso gli effetti speciali, e da quel momento Simone capì cosa realmente voleva fare da “grande”. Nato da autodidatta, nel tempo ha iniziato un percorso di studi durante il quale è stato sempre seguito da professionisti nel settore, tra i quali citiamo: David Bracci, Valentina Visintin, Domenico Matera e Alessandro Ballacci. 

«Provo una stima profonda per i professionisti che mi hanno seguito -ci racconta Simone-, ammiro molto le loro tecniche e la loro professionalità». 

L’esperienza ad EffectUS

L’opera di Simone in esposizione presso la sua aerea riservata

«Quest’anno per la prima volta ho avuto la possibilità di esporre le mie opere durante “EffectUs”, una manifestazione che ho sempre seguito con ammirazione -racconta-. Lo scorso anno, infatti, ho partecipato come semplice visitatore, mentre quest’anno ho avuto la possibilità di esporre una mia opera in un’area a me riservata . Sono stati molti i visitatori e i professionisti del settore che mi hanno fatto i complimenti ed incitato a continuare. In quei momenti ho davvero provato delle bellissime emozioni e, ancora una volta –conclude-, ho capito che questo è ciò che voglio fare nella mia vita».

La galleria fotografica

4,026 Visite totali, 24 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *