Sicilia Termini Imerese

Un cocktail diventa spettacolo: Marcella May omaggia Lampedusa con il suo “Kalakala”

Un cocktail che diventa spettacolo, tanto da essere preparato su un palcoscenico in una piazza gremita di gente.

La professionalità e la grinta di Marcella May sono approdate sul palco della serata conclusiva della festa in onore della Santa Padrona di Lampedusa, la Madonnina di Portosalvo.

Il cocktail rivelazione dell’estate Lampedusana 2019

È un legame unico quello che ha sempre legato la termitana all’isola, quasi da poterlo definire un gioco del destino. Anni fa, infatti, la nota bartender ha ideato un cocktail ricco dei profumi e dei sapori del Mediterraneo, ispirandosi proprio all’isola di Lampedusa, il “Kalakala“.

Un nome importante per un drink che ha spopolato per tutta l’estate sull’isola. Il nome “Kalakala”, infatti, cela due significati ben precisi: deriva dalla parola in dialetto “calari“: abbassare, scendere che nel gergo è utilizzata anche per dire “bere”. Di conseguenza, quindi il primo significato, un drink di facile bevuta, molto fresco e profumato. 
Kalakala” però, non si rifà solo alla parola siciliana, ma omaggia anche le molte cale presenti a Lampedusa. 

Si tratta quindi, di un vero omaggio ai sapori siciliani e all’isola di Lampedusa, che durante l’estate appena trascorsa è diventato il cocktail tormentone dell’estate lampedusana 2019. 

Le emozioni di Marcella May

«Quando a giugno arrivai a Lampedusa per motivi lavorativi -ci racconta Marcella May -, ritrovandomi in una delle più belle cale ebbi come una “folgorazione”. Ripensai a quel cocktail che avevo ideato anni prima e che aveva lo stesso colore del tramonto che vedevo a Lampedusa. Bastò un attimo e decisi che non potevo non riproporre, anzi omaggiare con la mia creazione quell’isola che mi ha riportato alla mente quei profumi e quei colori. L’ho fatto personalmente -prosegue-, salendo sul palcoscenico di piazza Brignone gremita di gente, in occasione della serata conclusa dei festeggiamenti dedicati alla Santa Padrona di Lampedusa, la Madonnina di Portosalvo. Mi basta chiudere gli occhi per ritornare a quei momenti e riprovare sulla pelle quelle emozioni. Si è trattato di un’esibizione coinvolgente, non solo per me, ma anche per i presenti. Preparare sul palco il mio “Kalakala” è stato emozionante, per questo ci tengo a ringraziare gli organizzatori che mi hanno offerto quest’opportunità. Per me -conclude– è stato come un omaggio da consegnare alla città di Lampedusa che in questi mesi mi ha lasciato tantissime emozioni e ricordi che non dimenticherò mai».

Il video dell’esibizione

Di seguito un piccolo video dell’esibizione della bartender termitana Marcella May.

 

La galleria fotografica 

.

4,042 Visite totali, 36 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *