Cefalù Gossip Palermo

Raoul Bova a Cefalù: l’intervista a Himerah24 – FOTO

Raoul Bova a Cefalù

A distanza di una settimana dall’apparizione alle Vele di Raoul Bova, Cefalù sembra ancora essere immersa nel sogno di avere avuto sott’occhio uno degli attori più belli della cinematografia italiana.

Ma è realtà: Raoul Bova è stato, anche se per poco tempo, ospite della discoteca della piccola cittadina normanna, sul lungomare, a pochi chilometri da Palermo dove per qualche giorno per motivi di lavoro è stato presente presso il teatro “Al Massimo”. Una visita fugace, quindi, sono stati attimi davvero fuggenti e di suspense per chi fino alla fine ha assistito alla serata ed ha atteso per realizzare il sogno di vederlo di presenza. 
Il tempo a disposizione era davvero molto limitato ma Gaia Perniciaro e Matilde La Placa a cui è stata concessa l’intervista, sono riuscite a formulare delle domande a Raoul Bova sulla Sicilia.

L’intervista a cura di Matilde La Placa e Gaia Perniciaro

 

Parliamo del tuo attaccamento artistico alla Sicilia…ho sempre notato un attaccamento speciale

«Ci sono praticamente nato artisticamente, possiamo dire. È difficile da descrivere, per me è proprio come una mia” terra di battesimo”. Mi ci sono sempre sentito particolare legato».

Raul, quali sono i film che hai più a cuore girati in Sicilia che ti hanno lasciato delle emozioni molto forti che ricordi tutt’ora e con il sorriso?

«Ci sono stato tante volte. Dentro di me c’è la Sicilia , essa possiede dei luoghi bellissimi ed incantevoli che non si dimenticano. Ho girato in quest’isola molti film e dentro di me c’è ancora il ricordo di tanti momenti e di esperienze bellissime.
Ho iniziato con la Piovra, Palermo-Milano solo andata e tanti altri film che sono in me, hanno contribuito ad accrescere la mia carriera e fama attraverso l’interpretazione di vari personaggi che sono rimasti celebri».

Il commento post intervista di Matilde La Placa

Sicuramente le emozioni che avrà provato Raoul Bova dalla prima volta in cui è apparso in una discoteca come personaggio vip saranno state tante e molto forti, una carrellata intensa certamente che saranno accresciute a pari passo con la sua carriera.

Era molto stanco, ma nonostante tutto ha fatto trasparire la sua umiltà, bontà d’animo negli atteggiamenti insieme ad un filo di timidezza, facile poter scorgere dai suoi occhi limpidi che non fissavano un punto ben preciso.

Spesso i giornalisti sono considerati un pò fastidiosi e invadenti, nell’immaginario comune e lo stereotipo che li contraddistingue. Con noi non ha avuto di questi pregiudizi anche perché noi ci siamo mostrate molto delicate e soprattutto rispettose, grate anzi a lui, agli organizzatori di averci concesso questa opportunità. Infatti Raoul  è apparso gentile, garbato, disponibile. 

L’attore, inoltre, ha fatto intendere che apprezza davvero molto la terra siciliana e lavorarci è stata un’esperienza che negli anni ha voluto ripetere con piacevole interesse poiché ne ha gustato le sue bellezze, avuto modo di ammirarne le caratteristiche che evidentemente sono rimaste ben impresse fino al punto da volerne ripetere l’esperienza con disponibilità immediata.

Sicuramente sia i progetti che lo stanno già coinvolgendo nell’immediato sia quelli in programma susciteranno sempre il suo interesse anche poiché come è già ben risaputo e adesso pure confermato da Raoul stesso, in Sicilia “ci si lascia il cuore”. Pertanto, a maggior ragione, niente più pregiudizi d’ora in poi, ma motivo di fierezza e d’orgoglio proclamarsi d’essere siciliani.

Leggi pure Festa nella cittadina normanna: l’attore Raoul Bova a Cefalù -LE FOTO

6,034 Visite totali, 87 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *