Politica Termini Imerese

Ecox: approvata dal consiglio comunale la mozione di Lelio Minasola

Si è svolta ieri a Termini Imerese una nuova adunanza del consiglio comunale, dove tra i punti all’ordine del giorno è stata discussa la problematica relativa alla presenza della Ecox (Clicca qui) nell’area industriale di Termini Imerese, i cui soci azionari sono Angelo Catania, Giovanni Sunseri, Giuseppe Genovese, Giuseppe Norara e la Montalbano s.r.l. Unipersonale. Il consiglio comunale  ha approvato all’unanimità la mozione del consigliere Minasola che di seguito proponiamo.

La mozione del consigliere Lelio Minasola:

Mozione consiliare urgente

Il sottoscritto consigliere comunale, Lelio Minasola:

VISTO

il D.A n.22/gab del 20/01/2016 con il quale – a suo tempo l’Assessorato
regionale Territorio ed Ambiente aveva escluso il 1° progetto di impianto Ecox dalla procedura DI valutazione di impatto ambientale nonostante i pronunciamenti contrari espressi dal Sindaco pro-tempore e dal Consiglio comunale;
VISTA
la deliberazione della Giunta municipale n.83 del 18/05/2016 con la quale era
stato avviato ricorso avverso la procedura per la REALIZZAZIONE dell’impianto Ecox;

CONSIDERATO

che la Ecox ha rinunziato alla realizzazione dell’impianto originario Tant’è che, a seguire, è stato ripresentato dalla G.M. S.r.l. di Cinisi una nuova progettazione NEL luglio/2018 per la realizzazione di un nuovo impianto mobile per lo svolgimento di campagne di attività di biostabilizzazione dei rifiuti individuati per una potenzialità giornaliera massima di circa 500 t ed una potenzialità annua massima di circa 150.000 tonellate complessive;
che l’impianto prospettato dalla G.M. S.r.l. di Cinisi è stato autorizzato, ai
sensi dell’art 208, c.15 del D.lgs 152/2006, dalla Regione siciliana con Ddg n.998 del 24/09/2018;

CONSIDERATO

che l’avvio delle attività da parte della G.M. S.r.I. nell’agglomerato
industriale di Termini Imerese ha portato a non poche segnalazioni in ordine agli odori nauseabondi
che promanano da detto impianto determinando non solo disagi ma anche rischi reali per la salute
dei cittadini e dei residenti nel comprensorio;

VISTA

la nota n.41592 del 10/10/2019 dlel Servizio 8° del Dipartimento regionale DEI rifiuti con la quale si chiede conto alla G.M. S..r.. dei “dati” di produzione dell’impianto DI compostaggio rispetto alle procedure previste invitando altresi il Sindaco di Termini Imerese (E quindi il Commissario straordinario) all’assunzione di eventuali misure ove, a seguito di QUANTO segnalato, si possano manifestare situazioni di pericolo o di danno per la salute;

Tutto ciò premesso propone
AL Consiglio COMUNALE
di impegnare il Commissario Straordinario, con carattere d’urgenza, a porre in essere ogni UTILE attività di coinvolgimento. degli Uffici comunali competenti dell’A.S.P al fine di valutar
concretamente se sussistono i presupposti di cui all’ Art. 217 del REGIO Decreto 27 luglio 1934, n. 1265 “Quando vapori, gas o altre esalazioni, scoli di acque, rifiuti solidi o liquidi provenienti da manifatture o fabbri che, possono riuscire di pericolo o di danno per la salute pubblica, il podest-prescrive le norme da applicare per prevenire o impedire il danno o il pericolo e si assicura della loro esecuzione ed efficienza. Nel caso di inadempimento il podesta’ puo’ provvedere di ufficio nei modi e termini stabiliti nel testo unico della legge comunale e provinciale” per intraprendere ogni necessaria iniziativa consequenziale.

Termini Imerese, 21/10/2019

 




10,261 Visite totali, 17 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *